estate in vista

finisce la settimana e con questa anche il mese. il viaggio in treno e’ allucinante, la gente incredibilmente strana e curiosa nei confronti del mio longboard che, lungo cosi’ e con gli stringer sembra un surf di quaranta anni fa. aspetta che vedano la tavola nuova e poi altro che facce stranite…sara’ anche la maglietta con le palme ad attirare l’attenzione, certo, comunque non fa nessuna differenza. quello che conta e’ che finalmente sto un po’ colla mi’tarpona e mi riposo da una settimanetta bella piena. mercoledi a milano m’ha troncato, il resto dei giorni diciamo che sono sopravvissuto a dodici ore giornaliere fuori casa, alleviate almeno dai pranzi da andrea e da tutto il pesce con cui mi rimpinza. almeno, se me ne vado, posso sempre dire, alla douglas adams “addio, e grazie per tutto il pesce”!

Rispondi