To Robert Indiana

E così Robert Indiana ci ha lasciati. Nel mio notebook avevo annotato alcune idee divertenti riguardo la famosissima scultura LOVE; in realtà mi ero quasi deciso a disegnare una parodia, dopo che l’idea aveva sedimentato nelle profondità del mio taccuino per mesi. Ora è troppo tardi e in fondo sono contento di non aver avuto fretta. Love Park a Philadelphia è stato uno spot simbolico per l’intera comunità mondiale di skateboarders; nel 2002, dopo che uno stupido piano di ristrutturazione teso a impedire agli skaters di ollare e flippare nel parco aveva spinto Edmund Bacon a skateare per protesta all’età di novantadue anni, l’icona LOVE ha ottenuto una risonanza internazionale.
Per me è IL simbolo del free skateboarding e credo che sarà così per sempre per molti, molti skater.
Nessuna parodia. Ho deciso che sarebbe stato un omaggio, e così è stato.
Ciao, Robert.
So Robert Indiana has passed away. In my notebook I scribbled down some fun ideas about the world famous LOVE sculpture; I was actually going to draw a parody, after the idea had been settling in the depths of my notebook for months. Now it’s too late, and I’m just happy I didn’t hurry up. LOVE Park in Philadelphia has been a symbolic spot for the entire world skateboarding community; in 2002, after a stupid renovation aimed at stopping skateboarders from ollieing and flipping in the park caused Edmund Bacon skate for protest at age 92, the LOVE icon gained international resonance.
To me it’s THE symbol of free skateboarding and I believe it’ll always be to many, many skaters.
No parody. I decided it had to be a homage, and here it is.
Bye, Robert.