Ciao, Ema.

si trova il coraggio, del resto e’ un’esperienza gia’ vissuta.
emanuela non c’e’ piu’.
se n’e’ andata via in venti giorni, neanche il tempo di rendersene conto, di dirle almeno ciao.
in poco piu’ di una settimana i pensieri sono ancora molti, non che servano a qualcosa, ma sono li’ e bene o male bisogna conviverci.
che volete che vi dica? che sbattere la testa nel muro non serve a un cazzo, e che comunque bisogna godersi la vita finche’ si puo’, senza egoismo, per carita’, ma con consapevolezza.
tornero’ a postare a breve, come prima. cose frivole che hanno il carattere dell’impermanenza, tanto per non illuderci.

ciao, ema.

nothing to translate, sorry.
see ya, ema.

Rispondi