Bona, la pasta ‘oll’arzelle.

A casa di Ele mi garba un casino ‘uando ti svegli, t’alzi e in cucina ci trovi un ciotolo ‘he strabuzza d’arzelle. De’, dici te, e siamo in Verzilia, diobono, ‘sa ci volevi trova’, ‘r capriolo? Difatti mia mi lamento, io, figurati. E’ la stagione meglio, gennaio e febbraio Si tratta di penza’ a cosa facci. Di solito le scerte so’ due: o ci si fa una zuppina sur pane o ci si fa la pasta; sara’ che fa’ la zuppa e’ piu’ palloso, sara’ che ar limite se diaccia un poino siamo sempre a tempo a scardalla, la pasta, ma la zuppa no, vado pella pasta. L’arzelle ‘uarche saggio l’ha bell’e messe a spurga’ la sera prima, in un ciotolo sur piatto rovesciato, sempre nella su’ acqua di mare. E’ ‘mportante, senno’ mangi un chilo di rena e ‘un hai bisogno dell’integratore di sali minerali pe’ quarche mese.
Pigli ‘n tegame decente, magari d’alluminio, di ‘uelli ‘he i verziliesi ‘hiamano “cazzarola”, ci stiocchi un popo’ d’olio, uno spicchio d’aglio tagliato ‘n tre o quattro pezzi, lo metti ar foo pero’ piano, ‘he senno’ strina l’aglio e sa di ‘arogna ‘ndiana. Mentre l’olio piglia ‘r sapore ci triti un po’ di pementa, no troppa senno’ l’arzelle spariscano. Poi ci vole un pezzettino di cipolla, mia tanta, giusto per arrotonda’ ‘r sapore der soffritto; la trinci fina e la fai sfrigge anche lei. Una gozzatina di vino bianco e ‘r fornello a palla, pe’ sfuma’, poi ‘na ‘ucchiaiata di pomodoro, o anche ‘n pomodorino pallino, uno solo, che ‘un deve esse’ pasta ar pomodoro, ma serve pe’ fa’ sapore. Eccolo qui’, ‘r fondo. Io a dilla a voi ci trito ‘n poino di pepe ar volo e ci butto ‘n cucchiaino d’anaci (la mastice, eh, no i semi) ma so’ gusti.
L’arzelle vanno fatte apri’ in una padella larga, a foo vivo, piu’ veloce possibile, si raccattano ‘or cucchiaio e ci si mettano ar volo, prima ‘he ‘l cardo l’asciughi; cosi’ si evita ‘e la rena che c’e’ restata dentro passi ner sugo.
La pasta (anche qui’ fate voi, io ci fo li spaghetti di ‘uelli grossi) la ‘oci ‘ome ar solito, e la levi un menutino avanti, ‘osi’ finisce di ‘oce ner sugo. Un poino di prezzemolo tritato ar volo e siamo ar tavolino. Ah bona. Piovera’ anche, oggi, ma caa voi ‘he me ne ‘mporti?

Rispondi