I ciclisti contromano

Non ne posso più.

Davvero.
Ogni giorno rischi di investirne uno perché, poverini, questi villeggianti che prendono la bici una settimana all’anno non hanno la minima idea di come si circoli in bicicletta. Peggio ancora se gli fai una pista ciclabile e, a tradimento, gliela fai diventare a senso unico all’improvviso. Come diavolo vuoi che se ne accorgano? Con un cartello tra le frasche?
Quindi, non solo ho scritto al sindaco, all’assessore ai lavori pubblici e al comando di polizia municipale.
Ho scritto anche alla stampa locale.
E ora lo comunico anche a voi, pregandovi gentilmente di diffonderlo.
Ah, e se capitate a San Vincenzo, occhio alle piste ciclabili. Nascondono insidie.


Al Sindaco del Comune di San Vincenzo
All’Assessore ai Lavori Pubblici di San Vincenzo
Al Comando di Polizia Municipale di San Vincenzo

e, per conoscenza

Alla stampa locale
e
in diffusione sui social network

Buongiorno.
Ieri, come molti altri giorni in questo periodo estivo, c’era un vigile urbano all’attraversamento pedonale rialzato del Paradisino a coadiuvare l’attraversamento dei pedoni.
Mi piacerebbe sapere perché sia lui sia tutti gli altri colleghi che ho visto nella stessa posizione ignorino completamente i ciclisti che, nel frattempo, procedono contromano sulla pista ciclabile che, tra il Mediterraneo e la Pinetina, diventa a senso unico.
Questi ciclisti, quando incrociano quelli che procedono in senso opposto, li evitano invadendo la corsia delle auto per un’ovvia mancanza di spazio e in pratica si lanciano letteralmente sotto le ruote di chi passa, compreso me che, in Vespa, ho dovuto schivarli più e più volte.
Sarebbe un gesto di civiltà impiegare gli stessi vigili urbani, piuttosto, per indicare ai ciclisti il giusto senso di percorrenza di quel tratto di pista ciclabile, indicato da una segnaletica mal posta e completamente ignorata dai ciclisti, in special modo quelli improvvisati che usano la bici una volta all’anno in occasione delle ferie.
Tra l’altro il motivo per cui l’attraversamento pedonale è stato fatto rialzato è proprio quello di fare in modo che le auto rallentino senza bisogno di qualcuno a dirigere il traffico. Se deve starci un agente ad assolvere la stessa funzione sarebbe bastato lasciare la strada com’era, con grande gioia dei nostri semiassi, delle nostre forcelle sterzo e dei nostri pneumatici, nonché dei nostri fondoschiena.

Nella speranza di un gesto d’attenzione verso i cittadini vi saluto cordialmente.

Alessandro Melillo

Rispondi