Good Vibrations

good

Poco più di cinquant’anni fa, nell’ottobre del ’66, usciva Good Vibrations. Immerso in un periodo decisamente fecondo della storia dei Beach Boys e soprattutto del poliedrico Brian Wilson, quello che agli occhi di tutti, allora e nei decenni a venire, sembrò ed è sempre sembrato un commerciale pezzo di surf rock destinato al consumo radiofonico e in generale a una fruizione “leggera” è, a un’analisi più profonda e nel cuore degli appassionati, un piccolo gioiello musicale. I tre minuti e trentanove secondi di Good Vibrations, allora dichiaratamente architettati per costituire quella che lo stesso Wilson definì una “pocket symphony”, rappresentano quanto di più complesso la musica, le tecniche di registrazione e sovraincisione e le sperimentazioni sonore potessero offrire all’epoca. Basti pensare che per quella manciata di secondi le ore di registrazione da cui distillare, concentrare e spesso estrarre un singolo suono furono oltre novanta, con sezioni vocali di pochi secondi, spesso anche meno di cinque, contenenti fino a trenta overdub. Le tecniche di sovraincisione furono portate all’estremo e la sperimentazione di Wilson sui nuovi suoni iniziata col precedente “Pet sounds” – in cui vennero utilizzati campanelli da bicicletta, campionamenti di cani, bottiglie di Coca Cola e una miriade di altri suoni inconsueti – e approdata in questo “Smiley smile” ridotto all’osso nel quale si sente persino Paul McCartney che mastica carote, giunse al suo geniale apice espressivo. Ci sarebbero voluti ancora più di quarant’anni perché Brian Wilson decidesse di presentare, anticipandolo con una tournee solista, quello che SMiLE – il più evanescente concept album della storia del rock e originario contenitore di Good Vibrations – era finalmente diventato, sebbene piuttosto differente da quanto inizialmente concepito. La successiva pubblicazione, nel 2011, delle “Smile sessions” che avrebbero dovuto quantomeno dare un’idea approssimativa di cosa SMiLE avrebbe potuto essere nel ’67, non fecero che confermarmi quello che in definitiva avevo sempre pensato: Good Vibrations È SMiLE. Quel pezzo è tutto ciò che veramente ci resta di un album che nessuno mai potrà più ascoltare.
Così, quando sento liquidare i Beach Boys come un gruppetto di surfisti o come musica da tre soldi, specialmente in un’epoca in cui la musica da tre soldi straborda da ogni canale radiofonico e televisivo, non mi arrabbio neanche. Penso a Good Vibrations, a Brian Wilson, e sorrido compiaciuto della certezza che il vecchio Brian, con tutta questa sovrabbondante, superflua cacofonia musicale e un Ampex a otto tracce, potrebbe perfino creare un nuovo scintillante gioiello.

Rispondi